Un’estate fa – Il ritorno al passato di Lino Guanciale tra un cold case e tanta nostalgia

11 Ottobre 2023

Con questa nuova stagione televisiva abbiamo visto cambiamenti epocali che sinceramente nessuno si aspettava. Presentatori che sono finiti su reti tv avversarie e viceversa, ma c’è anche quella di un noto attore italiano, ormai volto storico della Fiction, che ha stravolto l’immaginario collettivo. Ovviamente sto parlando di Lino Guanciale che ha appena debuttato da protagonista con la sua prima serie targata Sky Original intitolata Un’estate fa.

La miniserie prodotta da Sky Studios e Fabula Pictures si presenta fin da subito come il perfetto mix tra un crime con un cold case da risolvere e un coming-of-age ambientato 30 anni prima, durante l’estate del 1990, quella che tutti ricordano per i Mondiali, ma non il protagonista Elio Santamaria. Guanciale porta sullo schermo solo una metà del personaggio complesso di questo racconto, perché la sua versione più giovane, del passato, è interpretata dal talentuoso Filippo Scotti, l’alter ego del regista Paolo Sorrentino nel suo lungometraggio È stata la mano di Dio.

Un’estate fa è un racconto che si divide su due differenti linee temporali. La prima è quella di Elio adulto avvocato di successo, sposato con una figlia adolescente che soffre d’amnesia. Poi c’è quella con Elio adolescente che rivive, ma con la mente della sua versione senior, le vacanze estive di quando è scomparsa all’improvviso Arianna, la sua coetanea di cui era innamorato. La serie si apre proprio con il ritrovamento del corpo dell’amica con la scientifica che non ha dubbi: la ragazza non è morta accidentalmente, ma è stata uccisa da qualcuno. L’uomo sconvolto da tutta la situazione complicata ha un incidente in auto, perde i sensi e al suo risveglio si ritrova nell’infermeria del campeggio l’Onda, consapevole di quello che succederà a breve. La serie Sky usa il meccanismo del viaggio del tempo, ma non come in Loki che sembra la versione Disney di Doctor Who, ma più in modo misterioso che si ispira alle atmosfere del cult I segreti di Twin Peaks e alla più recente e tedesca Dark di Netflix. Tra continui salti indietro nel tempo attraverso flashback, Elio si ritroverà in qualche modo a indagare su un delitto non ancora incompiuto di cui nel presente lui stesso è in cima alla lista dei sospettati.

Il cast di Un estate fa è composto da molti attori e attrici del piccolo schermo e del nostro cinema italiano, come il talentuoso già citato Scotti, Claudia Pandolfi, Antonia Fotaras, Nicole Grimaudo, Paolo Pierobon, Alessio Praticò. Spicca davvero molto, ancora una volta, l’attore Pierobon nei panni dell’ispettore Zancan, ma anche il protagonista Lino Guanciale. Finalmente l’attore abruzzese lascia la sua “ comfort zone “ creata negli anni diventando uno dei volti più amati e riconosciuti delle produzioni seriali Rai, recitando il suo ruolo più complesso e oscuro per ora della sua carriera televisiva. Un’estate fa è diretta da Davide Marengo e Marta Savina, creata da Michele Alberico e Massimo Bacchini e di cui ne hanno scritto la sceneggiatura con Valerio Clio e Federico Favo. Se la serie nel presente è priva di colori ed è formata da una fotografia che sfuma tutto sui grigi, le scene nel passato sono composte invece da colori accesi e solari, che rispecchiano lo spirito di quel preciso momento del secolo scorso. Per concludere, questa miniserie mistery possiede oltre che un ottima regia anche una colonna sonora che riesce veramente a farti trasportare indietro nel tempo, far rivivere in qualche modo le atmosfere magiche di quando eravamo diciottenni e provavamo per la prima volta tutte l’esperienze e i primi amori che ci avrebbero fatto diventare gli adulti che siamo ora.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

IF – Gli amici immaginari e il tornare bambini

Nel panorama cinematografico internazionale John Krasinski è una delle tante