A tu per tu con Sara Franceschini

7 Ottobre 2022

In previsione del debutto live di Musiche del ritorno di questa sera all’Auditorium Parco della Musica, abbiamo dialogato con Sara Franceschini, artista romana e interprete con alle spalle un lungo percorso di formazione: dal Conservatorio di Napoli a quello di Roma, fino al diploma all’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini. Musiche del ritorno è un concept album che racconta un ricongiungimento a se stessi attraverso la nostalgia.

Si legge nella sinossi dell’album:

“Per tornare bisogna partire. Bisogna salpare, naufragare, sprofondare. Bisogna provare a guardarsi
da lontano.
Per tornare bisogna stare distanti da qualcosa, affrontare le turbolenze, attraversare la nostalgia, che
è il dolore del ritorno.
Parte tutto dalle stelle. De-sidera. Dalla bussola, che è molto più in basso della testa. È l’istinto, è il
desiderio. Una costellazione nello stomaco.
Alla bocca dello stomaco è collegato il cuore, la sede dei ricordi, il baule dei nodi, che sono i legami
e sono anche la velocità con cui si naviga verso la propria profondità, che non è barattabile. Sono
l’ultimo regalo della nostalgia, che trasforma le assenze in nodi e causa uno strappo da vivere fino in
fondo per contattare delle parti di sé. Il dolore del ritorno. Provare la profondità permette di
riconoscersi e di regalarsi la sua dote migliore, la chiarezza. Solo riconoscendo un vuoto si attraversano la nostalgia e i suoi tre doni: profondità, chiarezza e ritorno. Solo ammettendo e celebrando un’assenza, questa può rinascere sotto altre forme, può ripassare dal cuore.
Per tornare bisogna avere la capacità, l’occasione e la determinazione di autorizzarsi a consumare
un rito, che è più forte di qualsiasi paura.
Le musiche del ritorno raccontano un ricongiungimento a se stessi, alla radice più profonda di se
stessi. Una radice lontanissima, che è come un paesaggio che vive e ha senso, e rimane lì. È un
potenziale enorme, una possibilità verticale.
Per tornare bisogna accettare di vivere il contrasto tra gravità e leggerezza. Togliere i pesi, levare le
ancore, accogliere la propria complessità.
Nel ritorno a se stessi, della nostalgia non è importante solo l’origine, ma anche il modo di
attraversarla. Musiche del ritorno la attraversa cantando in prima persona, in una navigazione fisica
e interiore”.

1- Ciao Sara, come stai? È un piacere poter far quattro chiacchiere con te in previsione del concerto del tuo nuovo e primo album MUSICHE DEL RITORNO per Wow Record/Ird il 7 ottobre all’Auditorium Parco della Musica. Come stai vivendo quest’attesa che è l’ufficializzare un percorso? Insomma, il primo album non si scorda mai!

C’è sicuramente tanta emozione. Un concerto a casa ha sempre un sapore particolare, suonare in Auditorium, poi, è un enorme valore aggiunto per me. Trascorro queste ore cercando tutta la concentrazione necessaria, ma anche ricevendo l’affetto e il supporto di tutte le persone che mi hanno accompagnata in questo progetto fin dalla sua uscita. È il frutto di tre anni di ricerca personale e musicale e sono felice di portare il mio racconto su un palco così importante.    

2- Iniziamo ripercorrendo i tuoi primi passi nella musica e nell’approccio con essa. Quand’eri piccola cosa saresti voluta diventare? Ti immaginavi di essere nel mondo della musica?

Premetto che la musica non è solo un sogno nel cassetto, è un lavoro. Sicuramente quando si è piccoli i sogni dominano i nostri pensieri, ma immaginare e agire perché la musica diventasse la mia quotidianità è una consapevolezza importante, e penso sia l’obiettivo di chiunque abbia velleità in questo mondo. 

3- Ciò che mi interesserebbe affrontare con te non è tanto l’album di per sé quanto il processo creativo che prende vita dietro i tuoi testi.

Essendo un’interprete, cerco nei testi ciò che mi somiglia e che mi avvicina ai mondi musicali che sento più vicini al mio repertorio e alla mia voce. Nell’album ho avuto la fortuna di avere due canzoni originali scritte per me e per il mio racconto. Avere niente o avere te, scritta da Pino Marino, e La tempesta è un piatto che va servito freddo, scritta da Andrea Caligiuri. Nel disco, poi, ci sono anche tre intermezzi scritti da me, De-sidera (bussola), E-leva (àncora) A-ccorda (nodi), che fanno da raccordo tematico tra le canzoni.  

4- La tua musica da dove nasce? Quali sono gli artisti e le culture che hanno influenzato la tua formazione? E se avessi la possibilità di fare un duetto con un artista (sia di quelli in vita che non) con chi vorresti farlo e perché?

La mia musica nasce da quello che ho necessità e voglia di raccontare. Rimango sempre colpita dalle canzoni che traducono un immaginario in cui potersi riconoscere. A livello musicale, i miei riferimenti sono sicuramente le grandi interpreti della canzone italiana, ma sono affascinata anche dalla ricerca dialettale e linguistica e dalla libertà cantata dalla musica brasiliana. Il fulcro narrativo dell’album è nato proprio da un verso di Caetano Veloso, che ancor prima è un verso di Pessoa, navegar è preciso. Il repertorio che ho raccolto nel disco e che porterò sul palco è una fotografia di quello che è stato il mio percorso biografico e musicale. Rappresenta quello che sono oggi. 
In futuro, poi, mai mettere limiti alla provvidenza! (sorride

5- Questo album dal titolo MUSICHE DI RITORNO cosa vuole raccontare? A chi è indirizzato? E specialmente con quale criterio hai selezionato i brani?

L’album ruota attorno al tema della nostalgia. È un concept di natura teatrale che racconta questo sentimento nelle sue diverse facce. Racconta un ritorno a se stessi attraverso la nostalgia, una navigazione fisica e interiore. È indirizzato a chiunque voglia ascoltarlo, e mi piace pensare che tutti possano riconoscersi, a loro modo, in un tema così profondo per me. Ci sono canzoni che provengono da mondi musicali e linguistici diversi, dalla canzone d’autore italiana alla macchietta napoletana e ai grandi nomi della musica brasiliana, ma c’è anche La rappresentante di lista che è un riferimento eccezionale della musica pop. Ciò che mi ha portato a scegliere i brani è stato proprio il tema. Ho costruito il disco immaginandolo come racconto, e in questo racconto le canzoni si sono incastonate e rappresentano i vari momenti di questo viaggio.   

6- Come gestisci l’ansia da prestazione prima di salire sul palco? Hai dei riti particolari?

Semplicemente non la gestisco! (ride)

Il nostro pensiero oggi va a lei, augurandole un grosso in bocca al lupo e urliamo, mani al cielo, MERDA MERDA MERDA!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Al Teatro dell’Opera va in scena il (melo)dramma di Otello

di Emiliano Metalli L’aggettivo “melodrammatico” significa “esagerato, teatrale, ostentatamente passionale”.