Teatrosophia 2022/2023: una piccola “Repubblica delle lettere”

Finalmente, ed era anche ora, l’estate più torrida dell’ultimo cinquantennio è terminata. Chi, come me, è rimasto in una grande città come Roma, sa che significa non poter trovare riparo dall’afa, sperare invano in un po’ di brezza, dover sopportare, inermi, i pizzichi di mille zanzare. Accolgo a braccia aperte l’autunno! Il ristoro, ancorchè meteorologico, è sicuramente culturale. Il Teatrosophia, con la presentazione della propria stagione teatrale 2022/2023, porta una ventata di gradita freschezza nella scena romana, con tante co-produzioni e la presenza di volti nuovi e già noti che tornano a calcare la scena di uno dei teatri più “in” della città eterna, a due passi da quel museo a cielo aperto che è piazza Navona.

Di seguito l’offerta teatrale ricca di novità che Guido Lomoro, il direttore artistico, propone:

Il 30 settembre, 1 e 2 ottobre IL FESTIVAL INVENTARIA scalda il palco del Teatrosophia con Cascando! scritto e diretto da Pietro Dattola con Flavia Germana de Lipsis; (Sembra Amleto) di e con Francesco Zaccaro, regia di Ivano Picciallo; Drammi di Forza Maggiore Show 2, regia di Pietro Dattola, con Flavia Germana de Lipsis, Andrea Onori, Mariagrazia Torbidoni.

La stagione vera è propria prende il via nel weekend del 7,8 e 9 ottobre con LA PARTICINA (il vero protagonista di Romeo e Giulietta) del noto drammaturgo Giuseppe Manfridi. In scena lo stesso Manfridi insieme a suo figlio Lorenzo. La regia è di Claudio Boccaccini. Le scene sono di Antonella Rebecchini.

Dal 14 al 16 ottobre torna a Teatrosophia la compagnia di improvvisazione teatrale VERBA VOLANT con LE SORELLE LANDRU, commedia musicale di improvvisazione teatrale con testi e musiche originali create sul momento grazie agli spunti dati dal pubblico. Da un’idea di Daniele Marcori. Produzione Liberarte/Verbavolant. Con: Susanna Cantelmo, Alessandro Cassoni, Deborah Fedrigucci e la partecipazione di Alessio Granato. Regia di Daniele Marcori

Dal 20 al 23 ottobre I VETRI BLU producono, insieme con il Centro Studi La Parabola, LA TRINACRIA E’ FEMMINA, concerto reading di Ilenia Costanza. Lorena Vetro (chitarre e voce), Ilenia Costanza (narrazioni e percussioni), Monica Tenev (bandoneon e flauto traverso).

Dal 2 al 6 novembre  la prima produzione firmata Teatrosophia di questa stagione. In scena PROCESSO A MIO FIGLIO di Antonio Mocciola. Con: Francesco Giannotti e Flavio Marigliani. Adattamento e regia di Guido Lomoro. Coreografie e movimenti scenici di Maria Concetta Borgese.

L’11-12 e 13 novembre in scena DIARIO LICENZIOSO DI UNA CAMERIERA di Mario Moretti. Con la regia di Gianni De Feo. Protagonista, Giovanna Lombardi. Produzione: IPAZIA PRODUCTION.

Dal 17 al 20 novembre è la volta di FARFALLA…FARFALLA di Aldo Nicolaj. Con
Masaria Colucci, Alessandro Bevilacqua, Orazio Rotolo Schifone. Regia di Mauro Toscanelli.

Dal 29 novembre al 4 dicembre la prima co-produzione I VETRI BLU-TEATROSOPHIA. Si tratta di APPUNTAMENTO A LONDRA di Mario Vargas Llosa con laregia di Ilenia Costanza. Le musiche

sono di Lorena Vetro. Con: Guido Lomoro e Enzo Piscopo

Dal 9-10 e 11 dicembre è in scena LA SIGNORA CHE SAPEVA GOVERNARE L’IGNOTO (omaggio a Battista Sforza) di Isabel Russinova. In scena la stessa Russinova, alternata con Zoe Tavarelli. Regia di Rodolfo Martinelli Carraresi.

Dal 15 al 18 dicembre viene rappresentato NEL VENTRE, di Antonio Mocciola che chiude la prima parte della stagione 22/23. In scena il giovanissimo attore Salvo Lupo.

Ad aprire la seconda parte della stagione 2022/2023 TOMMY apre la seconda parte dellastagionedal 20 al 22 gennaio. Torna dunque un testo di Giuseppe Manfridi, interpretato da Giuseppe Arezzi. La regia è di: Vittorio Bonaccorso. Produzione: Compagnia Godot di Ragusa.

24 al 29 gennaio torna FANTASME, altra produzione targata Teatrosophia. Tratto dal libro “Fantasme, da Messalina a Giorgiana Masi, come e dove incontrarle”, Fefè Editore, di Claudio Marrucci e Carmela Parissi. Adattamento e Regia: Guido Lomoro. Coreografie e Movimenti scenici: Maria Concetta Borgese. Interpreti: Maria Concetta Borgese, Marta Iacopini,  Silvia Mazzotta. Musiche composte ed eseguite dal vivo da: Theo Allegretti.

Dal 2 al 5 febbraio, Mauro Toscanelli torna a Teatrosophia sempre in veste di regista con LE FINESTRE DEL TEMPO di Sergio Scorzillo,con Giuliana Adezio e Ilaria Fantozzi, Aiuto regista: Orazio Rotolo Schifone.

Dal 9 al 12 febbraio, in scena SOFFIO di Antonio Sinisi che ne cura anche la regia. Il testo, ispirato al film Fino all’ultimo Respiro di Jean-Luc Godard, vede come protagonisti in scena: Alessia De Bandi e Gabriele Passaro.

Bella prova di attrice quella di Beatrice Schiaffino protagonista dal 16 al 19 febbraio con LA PAPESSA di Andrea Balzola. La regia è di Carmen Di Marzo.

Dal 24 al 26 febbraio Teatrosophia ospita Donatella Busini in veste di produttrice (Ipazia Production) e di attrice protagonista de NELL’ARDORE DELLA NOSTRA CAMERA di Massimo Sgorbani con la regia di Paolo Orlandelli.

Dal 2 al 5 marzo torna IMPULSI (corpo, anime e parole) della compagnia di improvvisazione teatrale VERBAVOLANT. Con Maria Concetta Borgese, danzatrice e coreografa due attrici improvvisatrici Susanna Cantelmo e Deborah Fedrigucci, Maria Concetta Borgese, Daniele Marcori e Alessandro Cassoni.

Dal 9 al 12 marzo Teatro Multilingue propone LA REINE DE MARBRE, scritto da Francesco Bay e diretto da Flavio Marigliani. Con: Marta Iacopini, Mayil Georgi e Flavio Marigliani.

Dal 21 al 26 marzo sarà in scena NESSUNO DOPO DI TE, un’altra produzione di Teatrosophia, scritto e diretto da Guido Lomoro. Coreografie e movimenti scenici di Maria Concetta Borgese. Con: Alessandro Mannini e Tony Scarfì.

Dal 28 marzo al 2 aprile Silvia Mazzotta presenta un proprio progetto: NEL GIARDINO DELLA MIA MENTE, da lei stessa scritto e interpretato, con la regia di Imogen Kusch. Il resto del cast di attori è da definire.

Dal 13 al 16 aprile la Compagnia di Improvvisazione ROMAIMPROV presenta MORE TOUCHING (/mor-tà-tci/). Interpreti: Silvia Cox, Marco Masi, Fulvio Maura, Francesco Parisi, Vittorio Rainone e Cinzia Zadro. Musiche improvvisate live da Gianluca Massetti. Regia di Fulvio Maura.

Dal 4 al 7 maggio I VETRI BLU e TEATROSOPHIA co-producono E’ SEMPLICE. Ilenia Costanza è autrice e regista, Marta Iacopini, interprete e Lorena Vetro è l’autrice delle musiche.

Dal 12 al 14 maggio MEDEA, LA DIVINA, scritto e diretto da Massimiliano Auci. Con: Giovanna Cappuccio e Giorgia Serrao. Compagnia Ars29

Al termine della rassegna, dopo gli applausi e i saluti, una meravigliosa sorpresa: ad accogliere i presenti, nell’elegante foyer, una selezione di vini e un numero imprecisato di supplì, gentilmente offerti dalla direzione. L’aperitivo a fine spettacolo, o come l’ha chiamato il sempre accortissimo ufficio stampa Andrea Cavazzini, “aperiteatro”, è motivo di orgoglio per la direzione, che in questo modo permette al pubblico, agli artisti e ai giornalisti di entrare in contatto e in comunicazione, anche semplicemente per fare “quattro chiacchere” come ha fatto presente Diego Lomoro.

Le molte collaborazioni, la presenza di spettacoli rivolti al pubblico straniero, la possibilità di presentare libri ed eventi culturali coronano una stagione ricca di premesse stimolanti, in uno spazio che, senza indugio, definisco: “una piccola repubblica delle lettere”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

5 × quattro =