Chiara Casarico racconta Agorà Teatro e Musica alle Radici

29 Settembre 2022

Continuano sui palchi del Teatro del Lido e del Teatro Furio Camillo gli spettacoli della nuova edizione di Agorà Tearo e Musica alle Radici. In occasione dei prossimi eventi abbiamo intervistato Chiara Casarico, una delle organizzatrici del Festival e fondatrice della Compagnia Il NaufragarMèDolce.

Qual è la caratteristica di questa Undicesima Edizione di Agorà Teatro e Musica alle Radici?

Quest’anno abbiamo voluto dare tanto spazio ai giovani. Tra le compagnie abbiamo Esosementi, che si esibirà il 2 ottobre ed è composta da giovani talenti under 30. Poi per la prima volta abbiamo coinvolto una drammaturga, la giovanissima Silvia Mirabelli, che ci ha coadiuvato in un progetto molto ambizioso: coinvolgere 40 adolescenti dei licei di Ostia Anco Marzio e Labriola, che si esibiranno con noi sul palco del Teatro del Lido l’8 ottobre e da soli, sotto la direzione mia e di Tiziana Scrocca il 14 ottobre.

Quest’anno la manifestazione non è supportata dalle Istituzioni in termini economici. Come si sostiene un Festival così ricco?

Ci sosteniamo grazie alla collaborazione degli artisti e soprattutto al pubblico che viene a vedere gli spettacoli e a tutti coloro che hanno partecipato al crowdfunding che sarà attivo fino al 14 ottobre al link: https://www.produzionidalbasso.com/project/sillabario-pasolini/

Quali sono le novità di questa edizione?

Tra le tante novità, il duo Casarico-Scrocca ha preparato un paio di spettacoli comici (Sit Down Comedy e Zit 3.0) e un paio di spettacoli su Pasolini: “Sillabario Pasolini – tra musica e parole” con la collaborazione di Gabriella Aiello e Stefania Placidi e “A Pa’… i giovani a Pasolini”, spettacolo itinerante dal Teatro del Lido al Monumento Pasolini. Questi ultimi si fregiano del patrocinio del Comitato Pasolini 100.

Nando Citarella, Radicanto e Lucilla Galeazzi tornano a sostenere il Festival, quanto è importante il sodalizio con artisti che sposano il progetto?

Molto importante! Sapere di poter contare su artisti di tale calibro e di avere il loro appoggio, ha reso meno penosa la mancanza di finanziamenti di quest’anno. Oltre a questi artisti più noti, è fondamentale la collaborazione e il supporto costante di un’altra grande artista come Rita Superbi e la collaborazione di Emanuela Bolco e Veronica Milaneschi.

Il Sillabario Pasolini è tra le interessanti novità. Di cosa si tratta.

E’ un progetto molto ambizioso che vuole stimolare la riflessione sulla realtà attuale e sul nostro futuro, realizzando, insieme agli studenti di due licei di Ostia, Anco Marzio e Labriola, un’esperienza formativa e umana molto forte, in cui i ragazzi hanno avuto l’opportunità di leggere e reinterpretare un autore come Pasolini, facendone uno spettacolo itinerante nella Ostia di Pasolini.

Abbiamo voluto rivolgere questo lavoro ai ragazzi di Ostia, e attraverso di loro, alle loro famiglie, al pubblico e alla cittadinanza intera. Perché crediamo sia fondamentale dare spazio alla formazione e alla crescita dei cittadini del futuro, spettatori del futuro, uomini e donne del futuro.

Siamo più o meno a metà percorso. Come sta andando, qual è la reazione del pubblico

Il pubblico ha risposto molto bene, nonostante la grandissima concorrenza delle parecchie iniziative in concomitanza ad Agorà e nonostante il maltempo che quest’anno è stato piuttosto inclemente.

Tante le figure che compongono il festival, chi si sente di ringraziare?

Innanzitutto vorrei ringraziare i miei compagni di viaggio da sempre: Tiziana Scrocca, Laura Gentile e Stefano Romanelli. Senza di loro non saremmo riusciti in questa grande impresa. Poi tutti i collaboratori che hanno contribuito alla realizzazione di questo grande evento, e in particolar modo Artigiani Digitali Comunicazione Sensibile, Maria Plateo e Rocchina Ceglia che hanno curato la comunicazione. Un grazie di cuore va a Filippo Lange, Enrico Venturini, Edoardo La Rosa e a tutta l’Associazione Teatro del Lido che da due anni ci supporta fattivamente e al Teatro Furio Camillo che ci ha accolto quest’anno. Un grazie particolare alle professoresse Nicoletta De Simone e Isabella Martiradonna per il lavoro con i ragazzi e grazie al pubblico affezionato che ci segue sempre con tanto affetto!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

La Distrazione della Formica di Niccolò Felici.

Debutta al Teatro Vascello di Roma per il Fringe Festival