Al Teatro Basilica il solo bel Teatro di Agnese & Tiziano

12 Gennaio 2024

“Letizia va alla guerra – la suora, la sposa e la puttana” è in scena fino a domenica 14 gennaio al Teatro Basilica di Roma, dopo aver debuttato il martedì della medesima settimana.

Con la drammaturgia di Agnese Fallongo, l’attività d’attrice della stessa autrice corroborata dalla recitazione e dall’accompagnamento musicale dal vivo dell’immancabile Tiziano Caputo – l’altra metà del cielo dell’ormai collaudatissimo duo artistico “Agnese & Tiziano” – e l’ideazione e la regia di Adriano Evangelisti, il suddetto spettacolo – primo dei tre che compongono il repertorio dell’affiatata coppia artistica – ha la durata di 1h30’ e si caratterizza per pulizia tecnica oltre che per una gradevolissima struttura narrativa che nell’arco del suo sviluppo si dimostrerà essere perfettamente autoconclusiva.

Tre donne, tre diverse provenienze geografiche, tre dialetti – o forse sarebbe meglio scrivere tre lingue – e tre storie, incastonate nel quadro generale dello spettacolo, che raccontano le difficoltà di una società e di un genere in particolare – quello femminile – che si trova ad affrontare nell’arco di una trentina d’anni due conflitti mondiali con tutti gli annessi e i connessi che le guerre portano con sé.

Agnese Fallongo, brava attrice, dà forma ai 3 personaggi del titolo con grande maestria, mettendo in mostra il suo ricco talento che è incanalato in un solco di abitudine e precisione che appare evidentissimo agli occhi di spettatori consci della cifra stilistica della formazione in scena.

Formazione in cui di notevole fattura e quantità, ovviamente, risulta il contributo della “seconda metà della mela” e ossia Tiziano Caputo, musicista, cantante e attore.

I due Artisti padroneggiano ritmi, atteggiamenti fisici ed emotivi e dialetti molto differenti, sfigurando quasi mai e, anzi, facendo un’ottima figura nel complesso dell’andamento dello spettacolo, sebbene in alcuni momenti si avverta una costruzione troppo tecnica e quasi “teorica” in luogo di una spontaneità che, forse, alla 110° replica si fatica a riproporre.

Ma quello appena citato potrebbe essere definito, più che una mancanza o un difetto, come “il classico pelo nell’uovo” di un lavoro che, oggettivamente, si fonda su basi solide e di indubbia qualità.

Il dramma o, che dir si voglia, il racconto delle tre “Letizie” procede spedito, in maniera cristallina – forse troppo in alcuni passaggi che più che vissuti sembrano affidati alla forza descrittiva del verbo – , disegnando trincee, case di piacere e conventi con un realismo costruito solo dall’immaginazione di coloro che calpestano il palcoscenico e che in una sorta di “principio dei vasi comunicanti” si fanno, per il proprio pubblico, architetti, costruttori ed arredatori di mondi così lontani e così tutti interessanti.

In definitiva, una proposta teatrale valida – come ampiamente previsto – e largamente degna di nota, poiché poggiata su fondamenta più che solide di preparazione e passione.

Se proprio ce ne fosse l’occasione, si consiglierebbe una maggiore propensione al voler continuare a sorprendersi maggiormente di queste vite create e ormai, evidentemente, autonome nelle loro rispettivamente belle strutture.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

La lucida ossessione di “Anna Cappelli” al Cometa Off

Donna, figlia, sorella, bambola, strega; ingenua, remissiva, pazza, ossessiva; Anna