La Notte Bianca: Maria Sofia Palmieri porta sulla luna il pubblico del teatro Porta Portese

2 Febbraio 2024

Siamo nel cuore di Roma, precisamente al Teatro Porta Portese, dove nelle serate del 31 gennaio e 1° febbraio, Maria Sofia Palmieri porta in scena LA NOTTE BIANCA, com un cast tutto al femminile. Infatti, con lei sul palco ci sono Morena Mancinelli e Gaia Lucrezia Russo.
Una storia leggera e divisa in due atti prende vita in un clima familiare e anche le interpreti trasmettono molta dolcezza a chi le osserva. LA NOTTE BIANCA scorre in maniera piacevole e senza troppo impegno.
B come Bologna, ma anche come Bianca, la protagonista si muove sul palco, tra solitudine e ombre, quell’ombra dentro cui è rinchiusa la nostra attrice ormai emarginata dai suoi coetanei, ed una realtà da cui vuole fuggire.
Si mette subito alla ricerca di un viaggio, dove? Sulla luna, che appare puntualmente su uno schermo, bella, luminosa, poi ancora montagne e un paesaggio innevato, una tappa dopo l’altra traghettata dalla sua guida (Morena Mancinelli), che appare e scompare come un ricordo nella mente della ragazza.
Uno spettacolo tutto sommato creativo, gioco di luci, coreografie e movimenti, bella l’idea del fuoco che accende l’attenzione del pubblico, ancora presenze oniriche che entrano ed escono dal palco che diventa anche camerino per i cambi di veste dei personaggi.
Si potrebbe dire che LA NOTTE BIANCA appartiene ai bambini per il linguaggio degli attori, semplice e camuffato, ma che lancia messaggi ai grandi, trattando temi di ogni età, come la solitudine e quella maledetta felicità che si concede in attimi a questa vita.
Ma c’è anche da dire che, se nella vita non ci fossero i momenti bui, non avremmo la forza e il desiderio di uscirne, proprio alla ricerca di quella felicità, che, come accade alla nostra protagonista, tiene a mente il ricordo lasciato dalla bella e luminosa Luna (Gaia Lucrezia Russo), per poi, tornare a combattere, nella vita di tutti i giorni, come una rinascita.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

“Dancing Days”: in scena l’eterogeneità della danza contemporanea al Romaeuropa Festival

Teatro, musica, danza, cinema, performing art, il Romaeuropa Festival è,