The White Lotus dalle Hawaii alla Sicilia con amore

30 Novembre 2022

White Lotus è un fantomatico gruppo alberghiero di resort & spa sparsi in giro per il mondo, ma è anche il nome della miniserie che durante l’ultima edizione degli Emmy Awards che si è aggiudicata ben 10 premi. Il “white” nel titolo può anche essere letto in due modi: come omaggio al cognome del suo creatore e regista, l’americano Mike White o del privilegio bianco, visto che i suoi protagonisti sono tutti bianchi e ricchissimi.

The White Lotus è un privilege drama, che strizza l’occhio al celebre family drama Succession, una tragicommedia che ridicolizza un gruppo, ben assortito di vacanzieri, un po’ come quello che si è visto nel vincitore di quest’anno a Cannes Triangle of Sadness. Nel film di Ruben Ostlund infatti il macrotema portante era proprio il white privilege diviso poi in capitalismo, classismo e colonialismo, che ritroviamo anche in questa miniserie ma qua purtroppo non assisteremo mai allo capovolgere della piramide sociale, almeno cosi succede nei primi sei episodi andati in onda nel 2021.

Questa serie antologica firmata HBO, infatti è composta per ora, anche se è già stata confermata una terza, da due stagioni differenti tra loro, ma sempre ambientate in uno degli alberghi prestigiosi dell’omonima catena di lusso.

La prima stagione di The White Lotus è ambientata alle Hawaii e si incentra sulle vite dello staff e degli ospiti di un villaggio vacanze durante il corso di una settima, infatti ogni episodio di quasi un’ora, racconta una giornata di villeggiatura dall’alba alla notte. I protagonisti di questa vacanza hawaiana sono gli stereotipi degli americani: una famiglia composta da Nicole madre direttrice finanziaria, Mark marito in crisi di mezz’età, Olivia la figlia al secondo anno di college con Paula miglior amica afroamericana al seguito e Quinn figlio minore introverso. Poi ci sono Shane e Rachel, una giovane coppia in luna di miele, e Tanya, una misteriosa donna sola e in lutto per la madre. Nello stesso tempo la serie segue anche le vicende personali dei lavoratori del resort diretto da Armond, che si sta ristabilendo da una dipendenza da droga, alcool e che farà di tutto per esaudire ogni richiesta dei visitatori, anche rischiando la sua sanità mentale visto che ricadrà nei suoi vecchi vizi che causerà un spirale di disastri. La prima stagione, oltre a rappresentare la lotta di classe, vuole mostrare le angosce che qualsiasi essere umano prova, sia se ricco o povero, come la solitudine, gli affetti e la compressione.

The White Lotus non è solo una drammedy nera, ma anche un mistery, visto che ogni primo episodio di ogni serie si apre con il delitto di un personaggio e solo alla fine della vacanza si svela chi è il morto della situazione. Questo è anche l’incipit del flashforward che apre la seconda miniserie con il ritrovamento in mare di diversi cadaveri morti in una spiaggia vicina.

The White Lotus 2 è ambientata in Sicilia con un nuovo gruppo di personaggi, tranne che per Tanya, interpretata sempre dalla fenomenale attrice statunitense Jennifer Coolidge, l’unico filo conduttore tra i due resort della catena alberghiera. La seconda vacanza è stata girata all’interno del San Domenico Palace di Taormina, un hotel Four Seasons ricavato dalle vecchie mure di un ex convento. Questo nuovo contesto e location porta non solo nuovi personaggi e avventure, ma anche un nuovo tema cioè il sesso: che viene già mostrato fin dalla sigla composta come affreschi barocchi che andando nel dettaglio mostrano tutte le dinamiche della stagione siciliana ovvero desiderio, seduzione e delirio erotico.

Gli ospiti americani sono Ethan sposato con la fredda Harper e Cameron con la solare moglie Daphne ovviamente durante la settimana le due giovani coppie porteranno a galla i loro numerosi problemi. In Sicilia sbarca anche la famiglia Di Grasso composta da nonno, padre e nipote italoamericani alla riscoperta delle loro origini e ovviamente Tanya con Portia, l’assistente personale della ricca signora, pronta per passare una nuova luna di miele con il marito Greg.

Uno dei punti vincitori di questa seconda prova di Mike White, è decisamente l’inclusione nel cast principale di alcune attrici italiani, infatti la direttrice Valentina di questo resort è interpretata da Sabrina Impacciatore. Altri nomi di spicco, famose soprattutto per i loro ruoli di dottoresse nella fiction Doc – Nelle tue mani, sono Simona Tabasco e Beatrice Grannò, che recitano il ruolo di Lucia e Mia, due ragazze del luogo che sognano una vita migliore e porteranno scompiglio tra gli americani ospiti. Inutile negare che le due giovani donne ricordano tantissimo, nei loro caratteri opposti e bellezze, le più celebri amiche italiane Lila e Lenù, uscite dalla penna di Elena Ferrante e portate sullo schermo proprio grazie ad una co-produzione HBO e Rai.

The White Lotus è attualmente disponibile da noi su Sky, anche on demand e in streaming sulla piattaforma di NOW, sperando che questa seconda stagione non lasci l’amaro in bocca fino alla prossima misteriosa meta.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

IF – Gli amici immaginari e il tornare bambini

Nel panorama cinematografico internazionale John Krasinski è una delle tante