Maestro il biopic di Bradley Cooper su Leonard Bernstein

11 Settembre 2023

Bradley Cooper torna dietro la macchina da presa per la seconda dopo l’ottimo risultato nel 2018 con il suo A Star Is Born. Dopo aver diretto la cantante Lady Gaga, ormai sempre più indirizzata al cinema, visto che l’ha vedremo prossimamente nei panni di Harley Queen nel sequel di Joker, per questo film l’attore ha deciso di dividere il set con Carey Mulligan.

Maestro è un lungometraggio sull’imponente storia d’amore che ripercorre la complessa relazione tra Leonard Bernstein e Felicia María Cohn Montealegre. Si inizia dalla fine, con Leonard, Bradley Cooper invecchiato con un ottimo trucco, ormai anziano che ripercorre la sua vita e dichiara la nostalgia davanti a delle telecamere per l’amore più grande della sua vita Felicia Montealegre. Attraverso un lungo flashback in bianco e nero in formato quadrato direttamente da metà degli Quaranta del secolo scorso scopriamo chi era Leonard: un giovane maestro d’orchestra che stava aspettando la sua occasione per sfondare nei teatri e sale da concerto newyorkesi. Uno degli aspetti che fin da subito mostra Cooper, e non censura mai, è la bisessualità di Bernestein, che si vede fin dalle prime scene in cui il protagonista si sveglia in un letto matrimoniale assieme ad un altro uomo, il clarinettista David Jerome Oppenheim interpretato da Matt Bomer. Poi si passa all’incontro che ha cambiato la vita di Leonard cioè quello durante una festa con Felicia, interpretata in maniera sublime da Carrey Mulligan. L’attrice britannica si conferma l’interprete sensazionale che conosciamo e offre una delle sue performance migliori nei panni prima spensierati di una ragazza alle prese con l’innamoramento, poi di una moglie frustrata dalla doppia vita di suo marito per poi passare ad una donna devastata dal dolore del tumore e dalla stessa malattia.

Bradley Cooper con questo film non teme trappole narrative, premendo con convinzione e mano ferma sia a livello registico che attoriale. Alla sua seconda prova dietro la macchina da presa dimostra maturità e talento nel passare dal bianco e nero al colore, dalla leggerezza della commedia romantica al del dramma d’autore passando anche dai ritmi incandescenti del musical. Bellissima la scena in cui si omaggia Fancy Free, dove lo stesso Bernstein di Cooper rifà il famoso balletto con la divisa bianca e cappello da marinaio. Maestro è un biopic che non risulta mai noioso e che vuole raccontare l’amore, anche i momenti più oscuri, durato una vita intera tra Leonard e Felicia. Le interpretazioni del regista-attore e della collega Mulligan conferiscono alla pellicola un tocco artistico e confermano ancora una volta la bravura dei due artisti. Ottima nella recitazione anche la giovane attrice Maya Thurman-Hawke nei panni della figlia Jamie

Per concludere Maestro, dopo quest’anteprima italiana alla Mostra del cinema di Venezia, sarà in sala a dicembre per qualche giorno e per poi essere disponibile in streaming dal 20 dicembre su Netflix.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Call My Agent-Italia 2 – La nuova stagione tra conferme e novità che funzionano

Sono disponibili al completo, in esclusiva su Sky e in