50 km all’ora: De Luigi e Accorsi alla riscossa

3 Gennaio 2024

Che bello 50 km all’ora e che coppia interessante Fabio De Luigi e Stefano Accorsi che qui ricordano in un certo modo Thelma & Louise in versione maschile. Il comico romagnolo e l’attore emiliano sono i protagonisti di questa toccante e divertente commedia on the road ambientata in Emilia-Romagna. Fabio De Luigi, alla sua terza regia dopo Tiramisù (2016) e Tre di troppo (2023), fa una dedica d’amore alla sua regione di appartenenza attraverso la cadenza dei personaggi e i paesaggi suggestivi dell’Appennino Emiliano-Romagnolo

Il sobrio Rocco (Fabio De Luigi) e l’esuberante Guido (Stefano Accorsi) sono due fratelli che si ritrovano dopo molti anni al funerale del babbo (il termine “papà” scordatevelo) sgarbato Corrado (Alessandro Haber). Tra rancori passati e affetto sopito, i due affrontano un viaggio attraverso l’Emilia-Romagna per portare le ceneri del loro genitore accanto alla moglie, seguendo le sue ultime volontà. Il tragitto viene fatto però seguendo alcune regole stabilite di quando erano adolescenti, iniziando col compierlo a bordo di due vecchi motorini sfasciati. Il viaggio sarà l’occasione per Rocco di mettere una pietra sopra al suo astio verso Guido.

“50 km all’ora”: una scena del film

Il loro scontro diventa una battaglia tra provincia e mondo, laddove Rocco, dal carattere onesto e introverso, rappresenta l’uomo di provincia (la Romagna) che vive una vita tranquilla lavorando come meccanico, mentre l’uomo di mondo Guido (l’Emilia), che vive una vita frenetica sulle navi da crociera, è più superficiale ma al contempo più vivace del fratello. Nonostante le loro divergenze insieme sono irresistibili: ordinano tutto il menù di un ristorante asiatico, ballano a modo loro Girls Just Want to Have Fun di Cindy Lapurer (cantata qui da una Marina Massironi vestita come la cantante newyorkese nel videoclip della canzone) e giocano a pingpong contro due delinquenti.

Rocco e Guido sono perciò due cinquantenni rimasti ancora bambini in un mondo pericoloso e cinico, tanto che il regista li mostra anche da giovanissimi attraverso video e fotografie, proprio perché la loro anima è rimasta ferma a un tempo ormai lontano. Quel tempo corrisponde agli anni ’80, anni che Fabio De Luigi guarda malinconicamente: la canzone di Cindy Lauper è del 1983, i cellulari sono quasi inesistenti e i motorini che guidano Rocco e Guido sono retrò. Il loro viaggio diventa perciò necessariamente anacronistico perché per risolvere i loro contrasti forse serve tornare bambini, vivendo la vita veramente a 50 km all’ora spensieratamente.

Il film, ispirato 25 km/h di Markus Goller che ha fatto il boom d’incassi nel 2018, sarà al cinema dal 4 gennaio distribuito da Eagle Pictures e merita assolutamente la visione. Una commedia emozionante che fa solo del bene al cinema italiano, con Fabio De Luigi e Stefano Accorsi alla riscossa e più in forma che mai.

Avatar photo

Jacky Debach

Isac Jacky Debach nasce a Roma il 30 gennaio 1994. Ha conseguito la laurea triennale in Comunicazione pubblica e d'impresa presso La Sapienza e la laurea magistrale in Cinema, televisione e produzione multimediale presso l'Università degli Studi Roma Tre (DAMS). Ha lavorato come redattore per Cosanepensate.it, come account commerciale per la ME Production SRL e ha collaborato con Madmass.it, Metropolitan Magazine.it e Recensito. Attualmente gestisce la pagina social Cinefusi.it e sta frequentando il Master di primo livello in critica giornalistica presso l’Accademia Nazionale d’Arte drammatica "Silvio d’Amico". Amante del cinema, della musica, della serialità televisiva e del calcio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

UNO SGUARDO SU “LAND OF BAD”

Reduce dalla simpatia che provo per Russel Crowe, ospitato con