“Priscilla” è molto meglio di “Elvis”, la recensione

22 Marzo 2024

All’80esima edizione del Festival di Venezia è stato presentato in concorso “Priscilla“, il nuovo film di Sofia Coppola che racconta la travagliata storia d’amore iniziata nel 1959 tra la liceale Priscilla Beaulieu (interpretata da Cailee Spaeny) e la star del rock’n’roll Elvis Presley (interpretato da Jacob Elordi). Il lungometraggio, in uscita il 27 marzo al cinema, si pone come adattamento cinematografico delle memorie del 1985 “Elvis and Me“, scritte dalla moglie di Elvis Presley con Sandra Harmon.

La pellicola gira attorno al patriarcato e alla fallocrazia attraverso gli occhi di Priscilla Presley, diventando a tutti gli effetti coerente con i tempi che corrono visto che di recente sono usciti “Barbie“, “C’è ancora domanie “Povere creature“, i quali trattano la stessa tematica seppur declinata in forme diverse. Sofia Coppola, figlia d’arte di Francis Ford Coppola, descrive questa storia con la sua solita delicatezza registica che si rivela efficace.

Lo stesso personaggio di Elvis Presley è addirittura molto più interessante in “Priscilla” che nel suo biopic portato in sala da Baz Luhrmann, con la differenza che l’Elvis di Austin Butler è la marionetta manovrata dal colonnello Tom Parker (Tom Hanks), mentre quello di Jacob Elordi è il marionettista di una creaturina. Sofia Coppola indugia particolarmente sulla trasformazione che compie Priscilla per mano di un uomo pieno di conflitti interiori. Elvis Presley ha infatti molti complessi sulla differenza di età che ha con la sua amata, tanto che la veste e temporeggia nel farci sesso.

“Priscilla”: una scena del film

Eppure, Sofia non ci dice perché un divo del suo calibro si sia innamorato di una ragazzina, forse perché rivede in lei la madre che non ha più? o forse perché lei rispetto alle altre donne che gli corrono dietro non ha doppi fini? Sofia non ci fornisce delle risposte esaustive ma ci può dare alcuni indizi che possono portare lo spettatore a trarre le conclusioni, proprio come il finale del suo prodotto più celebre “Lost in translation“.

Ciò che resta nella mente dello spettatore dopo aver visto “Priscilla non è la performance di Spaeny ed Elordi, che comunque ben si sono prestati alla sceneggiatura di Coppola, bensì la delicatezza con cui la regista newyorkese racconta tale storia. Il film, sebbene ometta qualche didascalia temporale di troppo sul finale, è molto più efficace dell’artificioso e superficiale Elvis“, talmente sostenuto dall’ottima interpretazione di Austin Butler che fa finire nel dimenticatoio addirittura la Priscilla di Olivia DeJonge.

Avatar photo

Jacky Debach

Isac Jacky Debach nasce a Roma il 30 gennaio 1994. Ha conseguito la laurea triennale in Comunicazione pubblica e d'impresa presso La Sapienza, la laurea magistrale in Cinema, televisione e produzione multimediale presso l'Università degli Studi Roma Tre (DAMS) e il diploma di Master in Critica giornalistica presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico". Ha lavorato come redattore per Cosanepensate.it, come account commerciale per la ME Production SRL e ha collaborato con Madmass.it, Metropolitan Magazine.it e Recensito. Attualmente gestisce la pagina social Cinefusi.it e lavora come social media manager. Amante del cinema, della musica, della serialità televisiva e del calcio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Spy x Family Code: White, la recensione

Spie, famiglia, segreti, ironia e azione: sono questi gli ingredienti