IF – Gli amici immaginari e il tornare bambini

16 Maggio 2024
L-R, Ryan Reynolds (Cal), Louis Gossett Jr. (Lewis) and Cailey Fleming (Bea) star in Paramount Pictures' "IF."

Nel panorama cinematografico internazionale John Krasinski è una delle tante star hollywoodiane che lavora non solo come attore ma anche come regista, sceneggiatore e produttore. Dopo i successi di A Quiet Place – Un posto tranquillo e A Quiet Place II torna al cinema dirigendo – e interpretando – un film per famiglie: If – Gli amici immaginari con Ryan Reynolds e Cailey Fleming, in uscita il 16 maggio distribuito da Eagle Pictures.

Il film racconta la storia di Elisabeth (Cailey Fleming), chiamata da tutti Bea, una giovane ragazzina che arriva a New York per passare del tempo con la nonna mentre il padre (John Krasinski) è in ospedale per un’operazione al cuore. Bea ha già perso la madre ed è spaventata, è cresciuta troppo in fretta e non si sente più una bambina. Finché un giorno non incontra Cal (Ryan Reynolds), un uomo che vive nel suo palazzo, e i suoi “If” (amici immaginari), tra loro inizierà un’amicizia che li porterà a unire le forze per aiutare tutti gli IF a ritrovare i loro bambini.

Tra animazione e live action, il film porta in scena una storia costruita bene che diverte, commuove e non annoia. Quel tocco in più però lo danno i due attori protagonisti: Cailey Fleming, nonostante la giovane età, rivela la sua capacità di passare da un ruolo come quello di Judith Grimes in The Walking Dead a uno così leggero e comico come quello di Bea. Mentre Ryan Reynolds ancora una volta si dimostra incredibile e divertente in ruoli che sembrano superficiali ma che sotto nascondono molto di più. Entrambi guidano lo spettatore all’interno della storia e gli permettono di appassionarsi e affezionarsi ai loro personaggi, ai teneri IF e a questo mondo quasi sospeso in una dimensione fantastica.

If – gli amici immaginari è un’opera divertente e riflessiva che ti scalda il cuore, non mancano le risate ma nemmeno le lacrime. John Krasinski è riuscito nel raccontare con grande delicatezza ed emozione quanto sia importante non dimenticare la parte bambina dentro ogni essere umano anche quando si diventa grandi. Infatti, solo così si possono ritrovare quella pace e quel divertimento che con il passare degli anni diventano sempre più difficili da raggiungere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Metamorphosis: la favola stratificata di Michele Fasano

«Se ti cerco ad oriente, tu sei ancora ad oriente;