Vivere è come volare

5 Gennaio 2023

Vivere come volare
Ci si può riuscire soltanto poggiando su cose leggere

Tra la frenesia, la moltitudine di eventi e impegni in cui siamo immersi, le apparenze da cui siamo accecati, il mondo gira vorticosamente, il tempo corre, ed eccoci qui già con i piedi in un nuovo anno, pronti a camminare tra giorni nuovi, tutti da scoprire, tutti da inventare.

Un altro anno di Banquo è passato, insieme abbiamo condiviso spettacoli indimenticabili, abbiamo vissuto incontri esclusivi, ci siamo immersi in concerti vibranti, in canzoni, storie, immagini.

Abbiamo respirato e conosciuto da vicino l’arte, chi la pensa, chi la fa, chi la esalta. Ci siamo lasciati contaminare, arricchire, impreziosire, e a nostra volta abbiamo provato a lasciare un segno, a restituire la bellezza che abbiamo avuto il privilegio di ammirare, di cristallizzarla nelle parole e ,dunque, nel tempo, e trasporla agli altri. Abbiamo cercato di far luce su realtà piccole e alternative e artisti giovani, ma già di talento, che presto spiccheranno il volo, vi abbiamo fatto conoscere più da vicino chi invece già ha raggiunto vette elevate, abbiamo coniugato impegno e leggerezza, sperimentazione e tradizione, modernità e classicità, cercando di rimanere sempre in equilibrio sul filo della qualità e della misura, affinché la bellezza potesse accompagnarvi e allietarvi in questi mesi dell’anno. Lo abbiamo fatto con un meraviglioso lavoro di squadra, dando spazio alle sensibilità, alle attitudini, ai gusti di ogni redattore, rispettando quelle dei nostri lettori. Lo abbiamo fatto interrogandoci su cosa accadesse intorno a noi, confrontandoci, spesso scontrandoci, ma sempre rispettandoci, proprio come una famiglia. Questa famiglia l’abbiamo ampliata, abbiamo accolto amici di passaggio, chi ha voluto offrirci il suo sguardo, abbiamo anche perso qualche elemento, com’è giusto che sia: è fisiologico. Si cresce, si cambia,mantenendo intatte le radici sulle quali far germogliare rami e fiori. In questo infinito e immenso fluire è impossibile e ingiusto rimanere uguali, immutati: si cambia allo scorrere del tempo. Nella frenesia dei giorni che corrono e nel nostro inseguirli, infatti, ci potrà capitare di cadere, inciampare, farci male, di sbagliare, di perdere, di vincere, di stringere nuove mani, guardare nuovi occhi, ritrovarne di già visti, cantare nuove note, stonarne di vecchie, innamorarci di storie, dimenticarne altre, di mutare repentinamente e poi riscoprirci sempre uguali a noi stessi, alla nostra essenza.

Quello che mi auguro, vi auguro e ci auguro in questo nuovo anno è di lasciarci sorprendere dall’imprevedibilità della vita, dalla sua capacità di meravigliarci, nel bene e nel male, inaspettatamente, in ogni istante, di trasformare i suoi duri colpi in carezze, le avversità in opportunità, consapevoli che il dolore serve come serve la felicità, che c’è sempre una soluzione, una possibilità, una speranza, una rinascita… Basta buttarsi, farsi attraversare dalla bellezza che ci circonda e di cui l’arte si fa portatrice, e giocare con la vita e le sue dinamiche con leggerezza, che non vuol dire superficialità, ma guardare le cose dall’alto, come scriveva Calvino. E’ tutta una questione di punti di vista. Vi/ci auguro di allenare lo sguardo, la sensibilità, lo spirito critico e l’intelligenza emotiva, di sognare di più e di ballare leggeri tra i giorni, anche sotto la pioggia, padroni delle nostre scelte e delle nostre sensazioni, da re del nostro destino e futuro, che va frequentato e abitato con gioia, curiosità e passione.

Perché,d’altronde, “Vivere come volare ci si può riuscire soltanto poggiando su cose leggere,del resto non si può ignorare la voce che dice che oltre le stelle c’è un posto migliore”. Noi di Banquo, con la nostra voce e i nostri punti di vista, ci impegneremo a portarvi oltre quelle stelle, tra quelle stelle, in questo posto migliore che è il meraviglioso mondo dell’arte! Oltre le apparenze, negli abissi della profonda verità umana! Per quest’anno nessun buon proposito… Compiliamo solamente la nostra lista del cuore!

Buon 2023!

Vivere come nuotare

Ci si può riuscire soltanto restando a pelo del mare

D’altronde non si può tacere

La voce che dice che in fondo a quel mare

C’è un mondo migliore

Ph. Creativadispersiva

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Un anno nuovo oltre… tutto!

ἰοίην : che io possa andare oltre! Ultimi giorni dell’anno, classiche