“Rapunzel il musical”, molto più di un family show.

27 Novembre 2022

In scena dal 2 dicembre all’8 gennaio, una storia d’amore, magia, potere ed amicizia; introspettiva e moralmente penetrante.

Energica come a vent’anni, Lorella Cuccarini torna ad indossare i panni della strega Gothel, nella seconda edizione di “Rapunzel il musical”, che debutterà il 2 dicembre al Teatro Brancaccio e proseguirà il tour nei maggiori teatri italiani, realizzato da Viola Produzioni, di nuovo con la regia di Maurizio Colombi:

«Ritornare su questo palco per me è una gioia immensa. Non sono parole vuote, è la verità. Ho proprio tanta voglia di tornare a riabbracciare il pubblico e mi fa molto piacere tornare farlo con questo spettacolo, perché è uno spettacolo che ha iniziato un nuovo corso, non solo per il teatro Brancaccio, ma anche per me: con lui ho cominciato a fare spettacoli con un ruolo da cattiva che non avevo mai affrontato, e perché questo spettacolo non è solo un family show, ma è uno spettacolo che porta a teatro la famiglia e tutti noi»

Nel maggio 2014 il direttore del Brancaccio Alessandro Longobardi e Colombi si incontrarono in un bar vicino alla stazione di Milano, dove iniziarono a parlare dello sviluppo di nuovi progetti. Da questo incontro nacque non solo “Rapunzel il musical”, ma anche il sopracitato centro di produzione e l’unione di tutti i professionisti che collaborarono alla realizzazione della messinscena al Brancaccio e (all’epoca) nascente spazio Impero, dove nel tempo nacquero una sala prove e un’accademia di teatro; non è stato solo un incontro artisticamente proficuo, dunque, ma un confronto socialmente incisivo, essendo riuscito a mettere insieme e a creare un dialogo tra spazi culturali diversi, attuando una vera e propria rigenerazione urbana, che chi abita a Roma sa quanto lento e difficile possa essere il prospetto di un’impresa di tal genere.

«l’armonia del cast è rimasta nonostante il tempo» (Longobardi): tanti, infatti, oltre alla Cuccarini, i nomi della prima edizione riconfermati, come Maurizio Semeraro (Re, brigante Polifemo, popolano) e Mattia Inverni (Segugio, macellaio, popolano); ma tanti anche i nuovi promettenti volti, tra i quali Silvia Scartozzoni (Rapunzel), interprete, sempre accanto alla Cuccarini, della strega Nebbia nel suo musical d’esordio “La regina di Ghiaccio” (2017); Renato Crudo (Phil), nei panni di Abdul e del Cantastorie in “Aladin il musical geniale”; e Rossella Contu (Regina- cover di Gothel), internazionalmente conosciuta grazie al Broadway success “Aladdin”, firmato Disney: attori professionisti,  dalla comprovata esperienza sul paco, la cui presenza in scena sembra essere garante di un altro imminente successo.

Il regista tiene a precisare che non si tratta di uno spettacolo solo per famiglie, ma vuole essere un’esperienza intrattenitiva per tutti, vuole romanticamente divertire e far sognare ogni palato, dai più grandi ai più piccoli: la storia di Rapunzel da loro proposta, difatti, non è la classica rappresentazione firmata Disney, bensì un rifacimento, naturalmente ispirato alla favola dei fratelli Grimm, che mette in luce gli aspetti psicologici, in primis, della matrigna e quelli di ogni protagonista, ponendosi l’obiettivo, inoltre, di  far riflettere sull’eterna lotta tra il bene e il male, sul conflitto madre-figlia,  sulla ricerca dell’identità, sull’amore per la cose semplici, e di disarmare il desiderio delle illusioni, come la vanità e la ricerca della vita eterna.

Sulla scia dell’originalità rispetto al classico, anche le musiche scritte da Davide Magnabosco, Alex Procacci e Paolo Barillari, le coreografie di Rita Pivano e la scenografia di Alessandro Chiti (vincitore dell’oscar italiano del Musical nel 2015 come miglior scenografia proprio per la prima edizione di Rapunzel) sono realizzate con lo stesso fine, innovative e create appositamente per sorprendere ed emozionare, esattamente ciò di cui si sente il bisogno dopo le paure e le preoccupazioni da Covid.

Nessun elemento sembra essere lasciato privo di cura, e dalla parte del pubblico, altresì, non sarà ignorata nessuna emozione che lo spettacolo sarà in grado di offrire.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Gender Games: costruire una nuova visione del mondo

di E. Metalli Assistere a Gender Games senza il momento