Diario di Lina del Teatrodilina all’Argot Studio di Roma

24 Novembre 2023

Ha debuttato ieri giovedì 23 novembre, presso l’Argot Studio di Roma in quel di Trastevere, e rimarrà in scena fino a domenica 26, lo spettacolo “Diario di Lina” per la compagnia teatrale “Teatrodilina”, scritto e diretto da Francesco Lagi ed interpretato da Anna Bellato, Francesco Colella e Leonardo Maddalena.

Suono di Giuseppe D’Amato e luci di Martin E.Palma.

La drammaturgia e il Teatro coevo, più che contemporaneo, hanno tantissime vie e tra queste numerosissime, quasi infinite, possibilità di scrittura e rappresentazione una è, senza dubbio, quella della quotidianità elevata ad unico registro di restituzione.

“Diario di Lina”, testo e spettacolo di grande immediatezza e volutamente mancante di costruzioni che allontanino da atteggiamenti comuni e riconoscibili, è un lavoro che, per l’appunto, sembra cavalcare tale ideale di normalità, puntando tutto su una semplicità registica e attoriale che si mantiene tale dall’inizio alla fine dei quasi 60’ di durata.

L’atmosfera della serata, a partire dalla presenza informale – almeno apparentemente – degli attori e dello stesso regista tra il pubblico in attesa nel foyer e nel cortile interno dove lo stesso Teatro ha sede, contribuisce immediatamente a rendere il clima della proposta artistica allo stesso tempo leggero, ma non superficiale, smentendo una volta di più, qualora fosse necessario, il falso legame esistente, per dolosa pigrizia, tra i due termini appena utilizzati.

La storia – ammesso e concesso che si possa parlare di “storia” e non semplicemente di profonde, argute ed interessanti riflessioni sui fatti della vita e del mondo – prende le mosse dai ricordi dei tre attori che sulle “gradinate” dell’Argot –  gradinate “sopraelevate” rispetto alla platea che si accomoda sulle sedie poste sul pavimento dello spazio scenico abituale – chiacchierano a proposito della loro fu cagnetta Lina, animale di 16 anni e mezzo che ha accompagnato il loro lungo percorso umano e professionale fino alla sua dipartita.

Di più, sul testo, forse è poco utile scrivere, considerata la mole di argomenti intorno alla quale ci si aggira, anche se importante, ad avviso dello scrivente, è sottolineare la bravura degli interpreti che scansano – anche abbastanza agevolmente, pare – la subdola trappola dell’equivalenza “quotidianità/facilità performativa”, dato che i più o meno addentro alle dinamiche fisiche e psicologiche dell’Arte orale declinata secondo i parametri professionali della recitazione sono perfettamente a conoscenza di quella che è, esattamente, l’opposta verità.

Dunque, in definitiva, nella valutazione complessiva di tale spettacolo, c’è da fare un plauso per il delicato equilibrio trovato e mantenuto dall’ensemble responsabile della creazione e fa piacere anche mettere in risalto la mano registica meritevole di aver sezionato con grande umiltà il percorso al quale si è assistito, utilizzando con garbo dei “finti bui” che segnano il passare della scrittura da un capitolo all’altro e riempiendo ciascun segmento di effetti sonori e musicali di gradito accompagnamento.

Di buona fattura quindi, in questo insieme senza dubbio piacevole, anche il lavoro tecnico su luci e suono affidato ai professionisti citati nei crediti iniziali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

La lucida ossessione di “Anna Cappelli” al Cometa Off

Donna, figlia, sorella, bambola, strega; ingenua, remissiva, pazza, ossessiva; Anna