Cyrano-Cirillo: assaporarsi l’anima a fior di labbra!

25 Aprile 2024

di Emiliano Metalli

Arturo Cirillo in scena con Cyrano al Teatro Ambra Jovinelli fino al 28 aprile.

Cyrano de Bergerac è una celebre pièce del 1897 scritta da Edmond Rostand per l’attore e committente Benoît-Constant Coquelin e ispirata alla figura storica di Savinien Cyrano de Bergerac, uno dei più estrosi scrittori del seicento francese, precursore della letteratura fantascientifica.

Nonostante la relativa modernità di questo testo, il protagonista è divenuto un’icona popolare, attraversando forme artistiche distanti fra loro: dall’opera lirica al cinema, dalla commedia musicale alla canzone fino alla recente pubblicazione del fumetto inedito di Stelio Fenzo.

Portare in scena Cyrano, dunque, non è soltanto dare vita (nuova) a un copione, ma confrontarsi con una tradizione culturale che ne ha impiegato la figura eccellente e rivoluzionaria di spadaccino e pensatore, reso infelice da una difformità fisica. Tema quanto mai attuale, se si pensa a quanto la body positivity e l’attivismo in generale sta facendo per affermare il diritto di ogni persona ad essere (felicemente) se stessa.

Arturo Cirillo – da artista colto, raffinato e istrionico qual è – coglie l’opportunità di confrontarsi con Cyrano come figura principale, ma trasversale, a cui associare altre suggestioni – teatrali, poetiche, fiabesche – che portano lo spettatore dalla terra alla luna, non solo metaforicamente. Sarebbe semplicistico ricondurre lo spettacolo al solo genere di teatro-canzone, solo perché i personaggi cantano alcuni brani che, in qualche modo, raccontano o illuminano le differenti situazioni. Una canzone da cabaret, da avanspettacolo, spesso da macchietta nella migliore tradizione del teatro novecentesco, partenopeo in particolare.

Certo, però, questo genere è soltanto una delle contaminazioni che Cirillo sceglie di inserire nella vicenda, gestita con libertà di spazi e tempi (non potrebbe essere altrimenti per un “dramma storico” di questa tipologia), anche grazie all’impianto scenografico circolare – altro riferimento alla luna e al moto dei pianeti, ma anche alla circolarità delle vicende umane – efficacemente mutevole di Dario Gessati. Una scena che si adatta all’idea registica quasi da avanspettacolo, scoperta finzione d’attore, ma che colpisce poi ancora più forte quando il dramma si fa carne e sangue: al momento della morte di Cristiano e dello stesso Cyrano.

L’elemento di “gioco” e di citazione è evidente anche negli splendidi costumi di Gianluca Falaschi, colorati, sfolgoranti, volutamente estrosi e, dunque, antistoricistici, che ricordano un po’ il Fellini di Ginger e Fred e un po’ il Pinocchio di Comencini.

Ed è Pinocchio, proprio, l’altra sotterranea e struggente intersezione nella vicenda di Cyrano. Una commistione che favorisce la sovrapposizione di funzioni drammaturgiche senza forzature, dove a spiccare è l’immagine indimenticabile della Fata Turchina-Rossana. Perché, in fondo, l’amore di Cyrano è un motore tenero e per nulla erotico, che serve piuttosto a mettere in luce le complessità dei rapporti umani e la fermezza d’animo del protagonista nel mantenersi fedele al sogno, all’illusione. Proprio come in una favola.

In questo panorama complesso eppure immediato, semplice e nello stesso tempo stratificato, si muovono gli interpreti che – fatta eccezione per Cirillo – incarnano più di un personaggio, mutando voci, attitudini e costumi. Lo fanno scopertamente, proprio come i cambi d’abito o di scena a vista, perché non c’è illusione maggiore di quella creata da corpi e parole. Il resto – come pure le suggestive luci di Paolo Manti o le musiche di Federico Odling – contribuisce, ma non è certo l’unica lente per questo incantesimo. Sono gli interpreti il centro di tutto, privi di reti di protezione, saltano da una scena all’altra con tempismo, destrezza, profondità d’animo e di interpretazione, danzano, cantano, combattono tutti con grande talento.

Divertente e tragica la Rossana di Irene Ciani, leggero e tenero il Cristiano di Giacomo Vigentini, spaccone e detestabilmente sexy il De Guiche di Francesco Petruzzelli, comicissimo e davvero spassoso il Raguenau di Rosario Giglio, superba, infine, Giulia Trippetta nei panni della Governante-Lumachina e di Ligniere, solo per citare i ruoli più incisivi.

Su tutti brilla la stella di Arturo Cirillo-Cyrano-Pinocchio che, in luce o in ombra, è sempre presente con la sua straordinaria capacità di trasformare le parole in realtà, il suo corpo in fuoco, vento, acqua per essere di volta in volta un elemento vitale della scena. Senza sosta ci accompagna nelle vicende del protagonista strappandoci lacrime e risa, vero istrione, creatore insostituibile di illusioni.

Teatro Ambra Jovinelli

CYRANO DE BERGERAC

da Edmond Rostand

adattamento e regia Arturo Cirillo

Cyrano di Bergerac Arturo Cirillo

Rossana Irene Ciani

Cristiano Giacomo Vigentini

De Guiche Francesco Petruzzelli

Raguenau Rosario Giglio

Governante Giulia Trippetta

Ligniere Giulia Trippetta

Montfleury Rosario Giglio

Cadetto 1 Giulia Trippetta

Cadetto 2 Irene Ciani

Cappuccino Rosario Giglio

Assassini Giacomo Vigentini, Francesco Petruzzelli

Portiere Rosario Giglio

Primo Cavaliere Giacomo Vigentini

Secondo Cavaliere Francesco Petruzzelli

Distributrice Irene Ciani

Dame Irene Ciani, Giulia Trippetta, Rosario Giglio, Giacomo Vigentini

Pasticcieri Giulia Trippetta, Irene Ciani, Giacomo Vigentini, Francesco Petruzzelli

scene Dario Gessati

costumi Gianluca Falaschi

luci Paolo Manti

musica originale e rielaborazioni Federico Odling

costumista collaboratrice Nika Campisi

assistente alla regia Mario Scandale

assistente alle scene Eleonora Ticca

produzione MARCHE TEATRO, Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Nazionale di Genova, Emilia Romagna Teatro / ERT Teatro Nazionale

Foto di Tommaso Le Pera

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Gender Games: costruire una nuova visione del mondo

di E. Metalli Assistere a Gender Games senza il momento