Una brillante commedia a celebrare il genio di Vincent Van Gogh

5 Marzo 2023

Ricorrono in questo 2023 i 170 anni dalla nascita di Vincent Van Gogh. Il solitario pittore fiammingo, che ha segnato con le sue sinuose, tormentate pennellate una stagione della pittura, viene celebrato da uno spettacolo teatrale, dal titolo “Van Gogh Cafè”, che sta girando e con grande successo in tutta Italia. Un periplo per teatri e scuole che il 27 e 28 febbraio ha fatto tappa in uno tra i più prestigiosi palcoscenici di Roma, l’Ambra Jovinelli, raccogliendo un tripudio di applausi. Funziona il mix tra prosa, musica dal vivo, canto , ballo e proiezioni in 3D proposto in scena da MIC International Company. Una commedia briosa e brillante, ambientata in uno dei tanti cafè chantant che furono cifra diffusa nella Parigi di metà Ottocento. Luoghi vibranti, ritrovo per le avanguardie dell’arte e della cultura, con il contorno di musici e saltimbanchi. In quel frangente la capitale francese diventò “La” città del divertimento in Europa.

Si respira tanta, davvero tanta allegria e gli attori, i ballerini e i musicisti sono abili a riproporre questa atmosfera al pubblico romano. Peraltro una contraddizione forte ma voluta, nel testo e nella direzione di Andrea Ortis, rispetto all’animo schivo, crepuscolare e irrequieto di Van Gogh, le cui tele invece dominano il proscenio per mezzo di proiezioni su scala gigante, a mò di ologrammi, che nel loro incalzare progressivo impressionano la platea. Prendono forma, i suoi lavori, quasi fossero realizzati al momento, un artifizio funzionale a intervallare le coreografie dei danzatori, sempre accompagnati da strumentisti (chitarre, violino, pianoforte, musette, percussioni e contrabbasso) di assoluto valore. Lo sfondo musicale attraversa il racconto, incentrato sulla corrispondenza tra Vincent e il fratello Theo, con la raffinatezza dei più grandi parolieri e cantanti d’Oltralpe: Edith Piaf, Charles Aznavour, Mireille Mathieu, Yves Montand, per citarne qualcuno. I balli a loro volta attraversano territori variegati, dal flamenco al contemporaneo. Un caleidoscopio di emozioni, enfatizzate da un ritmo sostenuto in entrambi gli atti.

L’operazione, coraggiosa, può dirsi riuscita perché si rivolge ad un pubblico ampio. Emerge anche un importante valore divulgativo che non a caso è stato apprezzato, durante la tournèe, dagli alunni delle scuole. Evviva l’arte, in tutte le sue espressioni.

—————————————————————————————————————

VAN GOGH CAFÉ
Commedia musicale
Una produzione
MIC International Company

Testi e Regia di Andrea Ortis

Arrangiamento musicale di Antonello Capuano

Coreografie di Marco Bebbu

Scene di Gabriele Moreschi

Sound Designer Francesco Iannotta

Light-video Designer Virginio Levrio

Direzione Vocale Elisa Dal Corso

Costumi di Marisa Vecchiarelli

 CAST

Andrea Ortis,  Floriana Monici,  Chiara Di Loreto

Giulio Maroncelli,  Lavinia Scott,  Rebecca Erroi

Lara Ferrari,  Lucrezia Zizzo

ORCHESTRA

Chitarra Antonello Capuano

Violino Matteo Iannaccio

Pianoforte/Musette Angelo Miele

Percussioni Marco Molino

Contrabbasso Lorenzo Mastrogiuseppe

PRODUTTRICE ESECUTIVA

Lara Carissimi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Top girls: le parole di Caryl Churchill suonano attuali e urgenti

di Emiliano Metalli Arriva in scena al Teatro Vascello il