Per la giornata internazionale della donna leggete “Cara Giulia” di Gino Cecchettin

8 Marzo 2024

Se l’8 marzo non è solo una festa ma una “giornata internazionale” di riflessione e memoria, allora le mimose che oggi invaderanno case e luoghi di lavoro potrebbero accompagnarsi a qualcos’altro. Alla lettura di un libro, ad esempio. “Cara Giulia” di Gino Cecchettin è uscito il 6 marzo per Rizzoli ed è stato scritto con Marco Franzoso. È una lunga lettera alla figlia, brutalmente uccisa dall’ex compagno lo scorso 11 novembre, ma anche a se stesso e a tutti i padri del mondo. Perché la spinta a rovesciare un sistema millenario di discriminazione passa inevitabilmente attraverso una presa di coscienza del genere maschile.

Gino Cecchettin con i suoi occhi distrutti eppure fermi e tenaci ha assunto su di sé il ruolo di agente del cambiamento, e lo ha fatto con la purezza delle parole precise e con la statura morale dei giganti.
Ha ammesso di aver aperto gli occhi grazie a sua figlia Giulia su un sistema di prevaricazione che è subdolo perché capace di perpetrarsi nelle piccole cose, nelle quotidianità apparentemente neutre di tante famiglie.
Ammettere delle colpe, nel momento del lutto più straziante per un essere umano, è il grande passaggio rivoluzionario di questo volume. Gino Cecchettin non si è chiuso nella disperazione, e a qualcuno questo non è andato giù, ma ha deciso di riflettere e di farlo a voce alta.
Il libro è un diario di quei giorni tremendi e ci offre lo struggimento della perdita, ma poi si dilata e tende all’universale, si eleva dalla mera cronaca con parole e pensieri profondissimi rivolti ai giovani ragazzi e a tutti gli uomini di questo nuovo scorcio di secolo.
Non c’è rabbia, tra le righe di “Cara Giulia”. E non c’è mai il nome dell’assassino. Perché la missione di Gino Cecchettin è altra: non accusare ma far risuonare nelle coscienze la possibilità di un modo diverso di amare e di rapportarsi agli altri.
Ecco perché andrebbe letto e diffuso ovunque, dalle scuole ai mercati, dagli uffici pubblici alle aziende. “Cara Giulia” ha in sé il silenzio sconvolgente di una stanza vuota per sempre e il tintinnio di migliaia di mazzi di chiavi a risuonare nelle piazze.
Ha dentro lo sguardo dolce e il sorriso di una ragazza comune che tanto stride con l’efferatezza della violenza e del possesso. In questa dissonanza sta il simbolo di una lotta da vincere con il dialogo e le parole.
Ascoltiamole perché diventino assordanti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

La spazio narrato. Cusumano al Nitsch Museum

«Hai mai immaginato di dare una dimensione diacronica al tuo