Quella passione di Cristo che a teatro continua a meravigliare

18 Aprile 2023

A Roma, sul palco del Teatro Belli, il 5 e 6 aprile è andato in scena “Ricordate che eravate violini”, meditazione notturna per una voce sola con Giorgio Sales e l’accompagnamento, al liuto, torba e chitarra, di Lorenzo Sabene. Regia di Francesco D’Alfonso che ha disciplinato un’originale drammaturgia attorno ai momenti successivi all’arresto di Gesù di Nazareth. Intorno a quella lunga notte che aprì la passione del figlio di Dio, dalla solitudine del Getsemani, fino alla crocifissione e infine alla resurrezione.

Un monologo intenso e sofferto, arricchito dalle voci fuori campo di Roberta Azzarone e Lorenzo Parrotto, e dai contributi audio e video di Francesco Indelicato. Disegno luci firmato da Cecilia Sensi.
Protagonisti aggiunti anche, soprattutto loro, i fogli sparsi a terra, tutto intorno. Una coperta di carte inchiostrate da firme illustrissime che hanno ispirato lo spettacolo: Jorge Luis Borges, Jacopone da Todi, Khalil Gibran, Mario Luzi, Alda Merini, Éric-Emmanuel Schmitt. Poeti e scrittori, ma anche compositori e musicisti, da Johann Sebastian Bach a Fabrizio De Andrè e John Dowland, passando per Steve Weiss, Stefano Landi, Morten Lauridsen, Alessandro Piccinini, Maurice Ravel e Ferdinando Valdambrini. Artisti che diedero voce, interpretazione e suggestione ai momenti in cui il Cristo, ancora uomo e umano, con i suoi dubbi e le sue debolezze, aprì il passaggio verso l’aldilà.

Presa tutta insieme, questa produzione descrive – nell’intento di D’Alfonso – una sorta di “autobiografia” del Verbo, caleidoscopico intreccio tra eterno e terreno, tra assoluto e contingente. Una scenografia spoglia, come fosse un mondo di cui si sono persi i contorni, in cui lo spazio e il tempo sono sospesi. Solo uno specchio, sullo sfondo. Gesù che si specchia, e si spoglia. Della sua vita materiale, fatta anche di angoscia e di paura. Accetta, dietro un telo, la croce.
La sua, è la storia che da più di duemila anni viene raccontata in ogni dove, ai 4 angoli del mondo, e nei linguaggi di tutte le culture. E che ancora affascina e fa riflettere, per la miriade di letture e di significati di quel gesto di sacrificio. Così attuale sempre, ancor più in questi tempi di edonismo e disorientamento.
Giorgio Sales è un Gesù dai lineamenti morbidi e dal fisico tonico, ma esprime con asprezza e una recitazione dirompente l’ampio spettro di emozioni che vive in quei momenti così drammatici e potenti. Di una poetica che non smette di meravigliarci.

La morte del Nazzareno ha salvato la vita degli uomini che, come violini, ora sono “pronti a suonare le ragioni del mondo”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

La Distrazione della Formica di Niccolò Felici.

Debutta al Teatro Vascello di Roma per il Fringe Festival