Il disagio della Gen Z arriva a teatro con “Disco Pigs”

10 Aprile 2023

Raccontare la cosiddetta generazione Z. Ci riesce ottimamente, la 22enne Sofia Pasquali, che in solo una settimana ha messo nero su bianco l’adattamento di “Disco Pigs”, drammaturgia scritta nel 1997 dall’irlandese Enda Walsh. Il risultato è efficace e profondo, in scena si rivolge in maniera diretta, senza filtri, alle corde emotive del pubblico. Una drammaturgia cruda, nervosa, capace di abbracciare un ampio spettro del vissuto dei giovani e giovanissimi di oggi. Così distanti dagli adulti ma nel contempo affamati di amore, libertà, di risposte di fronte ai passaggi della vita.

Dal 30 marzo al 1 aprile il Teatro Golden di Roma ha ospitato questo lavoro, che ha visto impegnati i ragazzi del Laboratorio di Arti Sceniche di Massimiliano Bruno. Diciotto attori, tutti a cavallo della maggiore età, ad interpretare un gruppo di coetanei che fatica a incasellarsi negli schemi sociali e nelle dinamiche convenzionali di una piccola comunità. Il desiderio di evasione è forte, la noia presta il fianco a debolezze, eccessi e malsane dipendenze, ma nessuno pare avere il coraggio di voltare pagina. E partire verso nuovi lidi, verso ambizioni di realizzazione personale ed affettiva. Il degrado e l’ignoranza la fanno invece da padrone, la regia di Massimiliano Vado evidenzia il malessere generale disegnando scene di grande livore, di resistenza anche fisica, di strazio che rimane sordo. L’abuso è dietro l’angolo, l’evitabile si fa inevitabile. Ma il punto più basso, nello svolgimento, di fatto accende la miccia del riscatto. La luce della rinascita si fa spazio ed illumina la via. Per chi davvero ci crede.

Lo spaccato offerto alla platea è ad ogni modo preoccupante. Gli interpreti mostrano una generale apatia e l’assenza di entusiasmo rispetto a quanto li circonda. Il brivido può arrivare dal consumo di droga, dal sesso occasionale, dalla lettura compulsiva di libri. Sono però oppiacei che non portano alla vera felicità. Si balla e tanto, le analogiche note funky-disco dei Bee Gees alleviano il disagio di questi ragazzi digitalizzati. Vivi ma anche assai disadattati.

Loro, gli attori, ci sono piaciuti parecchio: Elisabetta Anella, Arianna Di Maso, Alessia Ferrero, Aalessandro Giorgi, Raffaella Mancini, Asja Mascarini, Alessio Simonetti, Leonardo Zarra, Francesco Di Cesare, Francesco Gregori, Marcello La Bella, Francesca Medde, Arianna Panieri, Emanuela Panzarino, Alessandra Persi, Irene Roccalto, Lorenzo Rossi, Marta Rotatori. Produzione MB IWA.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

BarattoCult: intervista a Carlo Boso

In occasione del BarattoCult (qua la nostra intervista all’organizzatrice Gigliola