Le “Scopate sentimentali”: musica, teatro e la lezione di Pasolini

19 Novembre 2023

Parole, voci, silenzi, musica e luci. Uno spettacolo multi-linguaggio e sperimentale, per tentare di entrare nei meandri di un personaggio geniale – già quando era in vita – ed elevato ad ancor più alto livello a seguito di una scomparsa su cui, ancora oggi, aleggiano evidenti e ingrombranti ombre. Pier Paolo Pasolini, nome e protagonista delle “Scopate Sentimentali, Esercizi di sparizione” che un altro genio, Filippo Timi, ha portato in scena sul palco del Circolo Angelo Mai, a Roma, dal 9 al 12 novembre. Testo scritto dallo stesso Timi, che nel suo percorso persevera in una cifra stilistica personale e caratterizzata. E per fortuna, aggiungiamo, perchè l’interpretazione che arriva al pubblico è cruda e penetrante, pendolo oscillante tra tonalità acute e profonde, alternarsi di maschere e suoni gutturali. Tutto intorno, sonorità diffuse, installazioni video, decine e decine di stimoli. Come dall’interno di un’impenetrabile foresta tropicale, lussuriosa, pulsante. L’handpan e una campana tibetana a intonare la poetica di uno show immersivo e rotondo nella sua ricchezza.

Timi affiancato per l’occasione da due totem, l’esplosivo Rodrigo D’Erasmo che ha fornito in 70 minuti un saggio di un’abilità, come arrangiatore, compositore e polistrumentista ai massimi livelli. Violino, percussioni, chitarra elettrica da far venire i brividi. Quelli veri.
Sull’altro lato della scena, l’alter ego elettronico Mario Conte a diffondere campionamenti sperimentali, complementari alle immagini del cinema pasoliniano che fu e di atmosfere da revival anni Sessanta che oggi sono un appiglio saldissimo rispetto a un vuoto culturale da cui anche grazie a un progetto di tal portata si vuol uscire. La bellezza è ancora per la salvezza del mondo, da sempre e fino a quello che sarà, se sarà, il crepuscolo dei tempi. Non è un caso l’allestimento a mò di museo delle scenografie, con richiami rinascimentali e neoclassici, progetto grafico a firma di Pazzi Design Studio.

Gli “Esercizi di sparizione” sono nel loro svolgimento un racconto in 4 quadri-stagioni – Primavera, Estate, Autunno, Inferno – partendo da quella telefonata che il 2 novembre 1975 interruppe e per sempre il viaggio sulla Terra di Pasolini. Fine vita per la persona e per l’artista, due lati di una stessa megaglia che la retorica e la morale, quella dei critici dei salotti – recita Timi – non ha saputo separare.

«Tu sei un poeta divorato dalle Amazzoni, attaccato dalle Erinni, il fulmine di Zeus si è scagliato su di te». La persona compie delle scelte, che sono private e come tali vanno rispettate, non commentate. Recitano, in tal direzione, anche le note di introduzione allo spettacolo: “Il Pasolini poteva scegliere di essere altro da sé? No. Il Pasolini ha deciso di assecondare il suo daimon, ricevuto in dote nell’Iperuranio e destinato a sfracellarsi nell’idroscalo di Ostia.”

Il daimon è per tutti quell’insieme di vocazione, carattere e irripetibilità. Quello di Pasolini si è affermato in vita, ma, soprattutto, è arrivato dopo la sua ascesa tra le Anime. E tutt’oggi vive una fase di approfondimento e cristallizzazione. E’ questo, il portato più straordinario della sua poetica, del suo stile di vita.

Tutti in piedi all’Angelo Mai. Dieci minuti di applausi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Non perdere

Gender Games: costruire una nuova visione del mondo

di E. Metalli Assistere a Gender Games senza il momento